È giusto sostituire un pasto con la frutta?

Pranzare con la frutta

Un sacco di volte mi è capitato di sentire da qualche mi amica attenta alla linea (nonchè da mio marito quando deve mangiare fuori casa) “A pranzo mangerò un macedonia, così sto leggera/o…” al che mi sono effettivamente chiesta se la frutta sia davvero alimento con pochissime calorie ed in grado di sostituire un vero e proprio pasto.

Senza dubbio mangiare frutta fa molto bene ma, ma quale? Quando? Quanta? Con questo post vorrei proprio fare un pò di chiarezza!

La frutta è un alimento che non dovrebbe mai mancare in qualsiasi tipo di dieta. Sapiamo tutti quanto sia ricca di vitamine, fibre e sali minerali ed ha, in generale, un basso contenuto calorico.

Ricordiamoci però che “in generale” è effettivamente l’espressione corretta 😉

Non tutta la frutta, infatti, ha poche calorie, e dovremmo anche fare attenzione alla naturale presenza di fruttosio.

Esso infatti, durante il processo metabolico, viene trasformato in glicogenoovvero in riserva di energia per il nostro corpo. Ma questo accade solo dopo essere passato attraverso il fegato. Ciò significa che una volta saturata la necessità di energia, il fruttosio non viene più trasformato in glicogeno, ma finisce per assumere direttamente la forma di grasso corporeo.

Le mele, le pere, le albicocche e le pesche sono i frutti con minor indice glicemico in assoluto: in questo caso possiamo stare abbastanza serene. Per quanto riguarda, invece, banane e kiwi, ci vorrebbe un’attenzione in più.

Quali sono, quindi, le regole da sapere?

  1. usare la frutta come spuntino tra un pasto e l’altro, senza esagerare, optando per quelle meno caloriche
  2. evitare di consumare la frutta dopo i pasti, altrimenti dopo ci sentiremo gonfie e appesantite (meglio mangiarla prima o almeno 2 ore dopo il pasto, per evitare di accusare il classico gonfiore legato alla fermentazione degli zuccheri presenti al suo interno e per assimilarne più rapidamente i nutrienti)
  3. la macedonia magari anche si…ma non creiamo un mix diabolico! Evitiamo la combinazione classica banana, kiwi, mandarino e uva…altrimenti abbandoniamo l’idea di ingerire poche calorie!!!
  4. scegliamo frutta “normo-calorica” con meno di 60 Kcal quale:
  • melamango, mandarancio con 53 Kcal
  • ciliege con 50 Kcal
  • arancia, prugna, amarene, pera, dalle 47 alle 40 Kcal
  • albicocca, pesca, lamponi, dalle 39 alle 30 Kcal
  • a seguire nespola, papaia, fragole, cocomero, melone, pompelmo, mirtilli  e limone

 

Perché bisogna mangiare la frutta?

La frutta è un ottimo alimento, fa bene alla salute e rappresenta una componente fondamentale in una dieta sana ed equilibrata. Apporta infatti ottimi quantitativi di:

  • fibre
  • sostanze ad azione antiossidante
  • vitamine e sali minerali
  • acqua

Il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro raccomanda il consumo di 5 porzioni al giorno di frutta e verdura (pari a circa 600g).

 

I pasti con sola frutta: NO

La frutta, quindi, è un ottimo alimento, a patto che lo si consumi nel giusto quantitativo, senza eccessi o demonizzazioni.

Per chi pensa “Mangio un frutto per rimanere leggera“ per compensare uno sgarro o un eccesso alimentare commesso, in realtà sta facendo una scelta scorretta. Da sola la frutta non può sostituire un intero pasto che, per essere bilanciato, deve essere rappresentato da tutti i macronutrienti necessari al nostro organismo.

Poi, in linea generale, i pasti “mono alimento” non sono mai corretti, proprio perché non forniscono all’organismo un apporto bilanciato e corretto di nutrienti. Per non contare il fatto che un pasto a base di sola frutta non fornisce un adeguato senso di sazietà, rischiando di farci ritrovare dopo un’ora a fare i conti con il senso di fame!

 

10 cibi che dovresti mangiare spesso

10 cibi top

Spesso è difficile capire come poter incorporare cibi sani nella propria dieta quotidiana, quindi per darti qualche idea di come fare delle scelte migliori, vorrei elencarti i 10 alimenti top che io stessa cerco di mangiare ogni settimana.

Questi alimenti sono davvero ricchi di sostanze nutritive, possono essere facilmente incorporati all’interno di ricette gustose e sono assolutamente deliziosi!

1.Frutti di bosco

I frutti di bosco freschi e le bacche in generale sono una straordinaria fonte di antiossidanti. Il nostro corpo è costantemente esposto ai radicali liberi ed un loro sovraccarico può causare problemi come l’artrite, danni agli occhi ed un aumento del rischio di malattie cardiache. I radicali liberi sono spesso causati ed aumentati dal fumo, dallo stress, dall’alcool o da una dieta povera e gli antiossidanti sono proprio ciò che aiuta il nostro corpo a proteggere e riparare le cellule dai danni provocati dai radicali liberi.

2. Yogurt

Lo yogurt contiene i probiotici, che possono aiutare a migliorare la salute dell’apparato digerente ed aiutano lo stomaco ad apparire meno gonfio. Quando acquisti lo yogurt, assicurati che contenga anche fermenti lattici vivi e prova ad aggiungerci della frutta piuttosto che dolcificanti artificiali o zucchero.

3. Banane

Le banane sono l’unico frutto che contiene l’amminoacido triptofano e la vitamina B6 insieme. In combinazione tra loro, questi due nutrienti aiutano a produrre la serotonina, che è una sostanza chimica naturale nel cervello che aiuta ad alleviare lo stress mentale. In altre parole, può aiutarti a sentirti più felice! Le banane sono anche una delle migliori fonti di potassio e di energia. Mangiarne una dopo l’allenamento può essere un ottimo modo per favorire il recupero muscolare.

4. Menta

Io amo la menta! La aggiungo in moltissimi piatti. A parte il gusto e l’odore rinfrescante, può anche aiutare nella perdita di peso. La menta, infatti, è uno stimolante naturale e aiuta a mettere in moto gli enzimi della digestione, che estraggono i nutrienti dal cibo che mangiamo. La menta può anche aiutare il tuo corpo a trasformare il grasso in energia, piuttosto che conservarlo e contribuire all’aumento di peso.

5. Avocado

L’avocado è un ingrediente molto versatile, il che significa che può essere utilizzato in un sacco di ricette! A me personalmente piace usarlo al posto del burro su panini e involtini. È ricco di grassi buoni che riducono i livelli di colesterolo cattivo nel sangue ed il rischio di ictus e malattie cardiache. Puoi metterne un pò anche nei frullati per ottenere una consistenza cremosa.

6. Zucca

Quando siamo in stagione di zucca, io la mangio spesso e volentieri. La zucca è piena del beta-carotene antiossidante, che è una forma di vitamina A. La vitamina A è essenziale per la salute, la pelle luminosa, la vista forte e per mantenere alte le nostre difese immunitarie. In altre parole, la zucca è piena delle cose buone!

7. Carne bianca

Abbiamo tutti bisogno di una buona fonte di proteine nella nostra dieta. Personalmente, cerco di alternare regolarmente carne rossa e bianca, ma una delle mie carni bianche preferite è il tacchino, perché può essere aggiunto ad un sacco di piatti facili e veloci. La carne di tacchino è ricca di proteine e molto povera di grassi saturi ed è un’ottima alternativa al classico pollo.

8. Spinaci

Gli spinaci sono un tipo di verdura molto versatile, perchè possono essere consumati sia crudi che cotti. Puoi aggiungere gli spinaci in tantissimi piatti, sia che si tratti di insalate che di pietanze cucinate…o addirittura frullati! Solo una tazza di spinaci ha quasi il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre raccomandato. Le fibre aiutano la digestione, mantengono stabili gli zuccheri nel sangue ed aiutano a mantenere il senso di sazietà a lungo. Prova ad aggiungerne un pò al tuo prossimo frullato o alla tua omelette mattutina!

9. Pomodori

Puoi anche aggiungere alcuni pomodori alla tua omelette! Io li mangio spessissimo, sotto ogni forma, colore e abbinamento, li adoro letteralmente. Un singolo pomodoro può fornire circa il 40% del fabbisogno giornaliero di vitamina C! La vitamina C è un antiossidante naturale che aiuta a proteggere dai radicali liberi e rafforza il tuo sistema immunitario.

10. Mandorle

Le mandorle, naturali e non salate, sono uno spuntino gustoso e nutriente. Questo tipo di frutta secca contiene grassi e proteine salutari, che li rende un’ottima fonte di energia naturale! Le potete tostare in forno per uno spuntino caldo e più dolce in inverno, altrimenti si possono immergere per una notte in acqua per rimuovere la pelle, mescolare il tutto e filtrarlo per ottenere il tuo latte di mandorla fatto in casa, ottimo nei frullati.

La bellezza nella nutrizione

la bellezza inizia dalla nutrizione

Quante volte abbiamo cercato di “metterci una pezza”?

Ho sempre pensato che prendermi cura di me, significasse curare gli aspetti immediatamente visibili agli altri:

  • tenere la tinta fatta ed i capelli in ordine
  • sempre uscire di casa truccata
  • chiudere le tute in un cassetto e vestirmi carina

Poi ho iniziato a pensare che avrei potuto fare qualcosa di più:

  • trattamenti corpo dall’estetista
  • pulizia del viso ogni mese
  • fare attenzione a ciò che mangiavo

Così però mi sono resa conto che stavo pian piano diventando schiava di tutto ciò che si vede, dando troppa poca importanza a quello che non si vede…

e allora ho capito la profonda diversità tra il benessere e la bellezza, stare bene con sè stessi non è scontato e non è nemmeno semplice, ma è certamente POSSIBILE!

Il benessere è un percorso, una filosofia, uno stato mentale, un’abitudine che va ad agire nel profondo del nostro corpo e non è necessario fare grandi privazioni alimentari, ore e ore di cardio e chi più ne ha più ne metta.

Ho scoperto che non dobbiamo solo alimentarci, ma NUTRIRCI, che non dobbiamo ammazzarci in palestra, ma essere più attivi ogni giorno, che se vogliamo apparire belli fuori (come dice la famosa pubblicità) bisogna essere belli dentro.

  • nutriamoci
  • muoviamoci
  • rilassiamoci
  • divertiamoci

è tutto quel che ci serve…