L’estetista cinica che non è in me

Stamattina ho condiviso sul mio profilo Instagram alcune storie di questa grande imprenditrice, Cristina Fogazzi o Estetista Cinica. Potete pensare ciò che preferite delle motivazioni che l’hanno portata al successo, ma vi voglio dare il mio punto di vista.

Io non avevo il suo coraggio.

L’aprire un’attività commerciale mi ha sempre spaventato, perché avevo davanti agli occhi l’esempio di Luca col suo centro estetico, quando l’ho conosciuto e di mia suocera e sapevo bene quanti costi, sacrifici ed incognite ci sono dietro.

Io non ho mai pensato di mettermi in proprio.

Vengo da una famiglia in cui il valore era studiare, trovarsi un buon lavoro, farlo al meglio possibile e tener duro, perche questa è la vita.

Io non avevo neanche un briciolo della sua competenza.

Non avevo passioni o interessi particolari, non avevo conoscenze approfondire in nulla, tutto ciò che so ora l’ho acquisito col tempo, studiando, lavorando e facendo.

Per questo ho scelto il network.

Mi sembrava la strada più semplice e remunerativa per una persona che ha queste caratteristiche, che parte da zero, che non è interessata ad aprire il suo negozio, che non ha denaro da investire, non si vuole indebitare e che non ha conoscenze.

Ma ora ho capito che il network non è il FINE, è il MEZZO.

È lo strumento che mi ha aperto tantissime porte, che mi ha permesso di avere il tempo e il denaro per crescere altri progetti digitali che altrimenti non avrei potuto sviluppare.

Che mi avrebbe comunque permesso di sviluppare i miei canali social, di crearmi una community, di acquisire conoscenze e competenze da usare per tantissime altre cose, di prendermi cura di me, del mio corpo e della mia salute più facilmente.

Quindi no, non ho avuto il suo stesso spirito imprenditoriale all’inizio, ho dovuto crescere e fare un percorso, ma ora posso tirar fuori dal cassetto qualcosa di inaspettato.

Vedrete!

Quanta bellezza può sopportare il tuo cuore?

Stamattina scendendo in spiaggia e vedendo questo splendido mare me lo sono proprio chiesta: quanta bellezza può sopportare il mio cuore? Quanti altri posti meravigliosi desidero vedere nella mia vita? Solo ad Agosto, quando normalmente si può andare in ferie, o di più?

E allora ho provato a fare due conti .

Se l’aspettativa media di vita per una donna in italia è di 82 anni e io ne ho 37, se tutto va bene me ne rimangono 45, di cui 15 sono spesi a dormire, quindi mi rimangono 30 anni di vita vera.

E sinceramente non mi va di passarli, come fino a 3 anni fa, chiusa in un ufficio, a lamentarmi e rimpiangere quel che non ho, accettando che la vita è così, come mi hanno insegnato i miei genitori.

Ho scelto lo stile di vita di chi ha un’attività online perchè io le regole della mia vita le voglio cambiare e di tutta questa bellezza mi ci voglio riempire il cuore più che posso, me lo voglio godere appieno il mio tempo su questa terra.

E lo potete fare anche voi, sapete?

Io non sono stata più fortunata o più coraggiosa, anzi, avessi saputo prima che esisteva questa possibilità, forse ora lavorerei già mentre viaggio il mondo e lo faccio conoscere alla mia famiglia e a mio figlio.

Ma l’ho conosciuto “tardi”, l’ho imparato a fare davvero bene “tardi” e tutti i momenti che non ho vissuto insieme a mio figlio e mio marito non me li riporterà mai più indietro nessuno.

Ma è proprio per questo che non commetterò mai più questo errore, non butterò più via nemmeno un minuto della mia vita e soprattutto non smetterò di parlarne alle altre persone e di insegnarlo a chi la pensa sa come me, a chi vuole vivere come me e sogna in grande come me.

Potete imparare anche voi a costruirvi un’attività online semplice e redditizia sui social e, se lo vorrete, potrete cambiare anche voi la vostra vita in meglio. Solo se lo vorrete davvero.

BlackDiamond Loading…

Scalare il piano marketing di un’azienda di network può sembrare una montagna infinita da conquistare, quasi impossibile.

Conosco bene quella sensazione: avere un grande obiettivo, soprattutto quando è molto lontano dalla situazione in cui ci troviamo, può essere scoraggiante.

E la stessa cosa sembra a me ora, che sono al 50% dal raggiugimento dell’ultima qualifica dell’azienda con cui collaboro, il Diamante Black.

Ma nel tempo, ho imparato a suddividere mentalmente i grandi obiettivi in piccoli traguardi, perché così anche gli imprevisti ed i problemi che ho trovato lungo il cammino erano più piccoli e gestibili.

Ma non solo.

Ho imparato anche a crescere la mia autostima passo dopo passo, semplicemente facendo ogni giorno le piccole e semplici azioni che mi ero prefissata.

Tutte le volte in cui, voltandomi indietro, mi rendevo conto di aver mantenuto la parola con me stessa, cresceva anche la mia convinzione di potercela fare, perché potevo contare su di me e le promesse che mi ero fatta.

E lì ho capito che non avevo bisogno di nient’altro…

Datevi anche voi l’obiettivo di darvi dei micro-obiettivi ed iniziare a costruire la banca della vostra autostima deposito dopo deposito.

Quella Scelta che mi cambiò la Vita

Ricordo perfettamente l’anno in cui mi licenziai: era l’estate del 2018 e la mia home di Instagram era piena ragazze con bellissimi costumi La Bikineria, al mare, in giugno, che lavoravano dal cellulare.

Sembravano sempre felici, sembravano spensierate, sembravano sentirsi realizzate… io no.

Ero sempre nervosa per i continui “pallini” al lavoro, incazzata col mondo perché mentre gli altri si godevano la vita e i figli, io ero chiusa in ufficio e fino ad agosto di ferie manco se ne parlava, ma soprattutto, non mi sentivo valorizzata, pensavo di avere molto di più di dire e da dare a questo mondo che fare pubblicità, rispondere alle mail ed organizzare eventi.

Io non ero abituata a sognare e nemmeno a crederei me stessa quel tanto che bastava per buttarmi in un’attività in proprio, ho dovuto toccare il fondo (come mio solito) per trovare la forza di buttarmi al 100%, questa è la verità.

È andata bene fin da subito? Ho avuto successo fin da subito? Ho guadagnato fin da subito?

NO.

Infatti solo 2 anni fa ho preso la mia scelta migliore , un ultimo salto nel buio, alla serie “o la va o la spacca”.

Basta provare metodi diversi, basta sbagliare azienda, basta soltanto arrotondare lo stipendio, basta sentirmi sempre inadeguata o obbligata a seguire un copione, basta essere “una delle tante che ci prova”.

Io volevo diventare una professionista, una che che fa la differenza nella sua vita ed in quella degli altri, una che poteva onestamente raccontare di aver completamente ribaltato la sua vita.

E così è stato.

Ho preso tutta la rabbia e la frustrazione che avevo accumulato nelle mie precedenti esperienze e ho iniziato a fare sul serio.

Prodotti più vari ed accessibili, un piano marketing più semplice e remunerativo e la libertà di essere me stessa hanno fatto davvero tanto, per il resto mi sono solo impegnata e ci ho messo tutta la passione che avevo, senza risparmiare nemmeno un minuto del mio tempo libero.

Risultato?

• il primo mese di attività ho più che quadruplicato l’ultimo bonifico che ho preso nella mia precedente azienda
• il secondo mese ho nettamente superato il mio miglior stipendio da dipendente, nel mese in cui andavo in fiera per 10/15 giorni
• in tutti i mesi successivi è stata una crescita costante (ed oserei dire davvero sorprendente) delle mie entrate e soprattutto del mio Team , che ormai sfiora le 4.000 Girlboss!

Fortuna?
NO.

#obiettivichiariesognidaraggiungere

#vogliadisuperareimieilimiti

#metododilavorodifferente

#consapevolezza in me e in cosa c’è là fuori

#amoresfrenato per l’attivitàonline più bella del mondo♥️

La Comunicazione sui Social

In un mondo dove tutti si autoproclamano qualcosa (sono tutti leader, tutti coach, tutti formatori, tutti social media manager, tutti influencer, tutti imprenditrici digitali) quanto è difficile fare la differenza ed emergere dalla massa?

Tantissimo… e sono sicura che ve ne sarete resi conto anche voi!

A me non ha mai portato nulla di buono fare la “sborona” dicendo di essere chi non ero, la gente non è stupida, si rende perfettamente conto, prima o poi, se ti stai facendo bella con nomi altisonanti o se sotto c’è della sostanza , quindi, segui questo mio consiglio :

Lascia che le persone entrino nella tua vita, racconta loro la tua storia in modo reale e potente, suscita emozioni, fuggi dal conformismo.

Non importa se non hai un passato tragico o un’esperienza memorabile, il solo fatto di condividerlo e aprirti ti renderà indimenticabile.

Corri il rischio di condividere qualcosa che ti ha fatto soffrire, ma che ti ha insegnato qualcosa, sarà un piccolo regalo per le altre persone!
Potrebbe essere un semplice attimo di dubbio, un momento della tua vita in cui le cose non andavano bene, mostra agli altri quali erano i tuoi problemi e spiega loro come li hai superati.

La comunicazione serve per connettersi con gli altri, non per raggiungere obiettivi, come convincere, vendere o qualsiasi altra ragione meschina. Pensare alla comunicazione in questo modo ti farà solo fallire!

Non concentrarti sul risultato ma sul percorso, credi in qualcosa, lotta per qualcosa, prendi posizione.
Perché se non combatti per qualcosa, finirai con niente.

Quando hai tutti contro

Ieri stavo parlando con alcune ragazze della mia Community che si ritrovano in situazioni poco piacevoli all’inizio della loro attività online :

il marito è contro, la famiglia ti spinge a trovarti un “lavoro serio”, le amiche ti deridono, colleghi e conoscenti che ti evitano… è successo anche a me.

Ma sapete perché scelgo spesso di condividere foto della mia estate 2020 per parlare di queste cose? Perché è stato uno dei periodi più felici della mia vita.

Fino ad 1 anno fa, mia mamma mi cercava ancora lavoro (dato che non lo sapeva spiegare alle persone e quindi per lei è come se non esistesse), mio fratello pensava che volessi imitare la Ferragni (perché non ha capito una mazza di cosa faccio e neanche vuole secondo me) e le mie amiche mi snobbavano.

Poi è arrivato il covid.

E mentre loro preparavano pizze e focacce col lievito madre e passavano il tempo a far polemica su Facebook, io lavoravo, tanto, tantissimo, in silenzio.


Ho pensato che non potendo uscire e non volendo impazzire, l’unica chance che avevo per sentirmi utile per creare qualcosa di bello in un momento così brutto era lavorare.

Ed ho lavorato, tanto, senza sosta.

Ma è proprio cosi che quest’estate ho potuto portare il mio bimbo in vacanza 4 volte, mentre loro erano ancora lì a lamentarsi, senza aver nemmeno provato a cambiare qualcosa nella loro vita.

Ho ritrovato il sorriso in un momento dove molti piangevano e non di certo per colpa loro.

Non ho mai più dovuto chiedere nulla ai miei genitori, nemmeno per spese grandi, improvvise o importanti che non avrei mai potuto sostenere in passato, dimostrando che ero cresciuta, responsabile, in grado di badare a me e alla mia famiglia, facendo qualcosa che amo, anche se nessuno era d’accordo.

Me ne sono stata zitta e ho lavorato. Nient’altro.

Sono i fatti che hanno parlato per me.

Quindi chissenefrega di cosa pensano gli altri, chissenefrega di chi ci critica e chi ci evita, chi ci dice di no e non ci capisce.

Conta solo come reagiamo alle situazioni, conta solo quello in cui crediamo e per cui ci impegnamo. Quello che ci rende felici ed indipendenti.

E non è di certo il parere altrui.

E se fosse vero?

“E se non sono capace?
E se non riesco a vendere?
E se non mi scrive nessuno?
E se non sono brava come lei?
E se non faccio video e storie?
E se non ho tempo?
E se è solo una fregatura?
E se non ho nessuno che mi segue?
E se non ho risultati?”

Tutti i maledettissimi E SE che magari per mesi o addirittura anni ci hanno frenato dal provare a svolgere un’attività online.

Tutti i maledettissimi E SE che sono frullati anche nella mia testa e sicuramente anche in quella delle ragazze del mio team all’inizio.

Ma…

“E SE FUNZIONASSE?
E SE RIUSCISSI A SORPRENDERE ME STESSA CON QUEL CHE POSSO FARE?
E SE POI MI PIACE E CI PRENDO GUSTO?
E SE POI FINISCE PER CAMBIARMI LA VITA???”

A questi, però, non hai pensato, vero?

Allora fermati un attimo e prova ad immaginare tutti i tuoi dubbi in versione positiva. Prova ad immaginare, anche solo per un secondo, che possa essere tutto vero e tu puoi davvero sorprenderti di quanto sei in grado di fare.

Perché riempirti la testa di domande non fa altro che bloccarti.


Certo, è importantissimo informarsi e capire bene tutto, ma ci sono elementi più importanti da valutare, come ad esempio entrare a far parte di un’azienda eccezionale, solida, dinamica, varia, certificata, italiana, con un rapporto qualità/prezzo pressoché imbattibile, che penserà alle spedizioni, all’assistenza clienti e ai pagamenti , tra cui il tuo!

E tu ogni fine mese potrai sorridere, ripensando che anche questa volta avrai costruito un nuovo pezzetto di qualcosa di bello, qualcosa di tuo, senza vincoli, capi o orari.

Come l’ho fatto io lo puoi fare anche tu, perché se ci metti buona volontà e voglia di cambiare, quello che serve per spaccare sui social e diventare una brava comunicatrice, te lo insegno io nella Girlboss Academy.

Non sono le critiche o i dubbi che pagano le bollette, ma il tuo lavoro : le commissioni, i bonus!

Ti aspetto in chat sui miei canali social o nel form di contatto di questo Blog per un progetto bellissimo: #girlbossandco 💄

IL LOCKDOWN CI HA MESSO LO ZAMPINO

Oggi è il primo d’Aprile, un mese per me davvero speciale.
L’anno scorso, proprio ad aprile , ho fatto un salto di carriera pazzesco, andando letteralmente a triplicare i miei guadagni da un mese all’altro.

Indubbiamente il lockdown ci ha messo lo zampone (altro che lo zampino!), la pandemia ha accelerato di 10 anni il cambiamento.

Fino a febbraio dell’anno scorso la maggior parte delle persone manco sapevano cos’era lo Smart Working, i social si sono evoluti, la crisi ha iniziato a farsi sentire ed il mondo online ha dato un barlume di speranza.

Questo poi è degenerato.

È iniziato a passare il messaggio “Sei senza lavoro? Vai sui social!”.
La gente ha aperto shop online a go go. I clienti non riuscivano più a riconoscere i professionisti da chi si improvvisava.

In tanti sono rimasti fregati.

Così è iniziata la guerra al ribasso, un modo per rendere le cose più semplici, convenienti ed accattivanti , ma con poco sforzo non puoi dare un lavoro di qualità!

Instagram ha iniziato ha crollare a livello organico e le sponsorizzate ad essere sempre più care, così è iniziata la prima “scrematura” di chi aveva soldi da investire e chi doveva rinunciare.

Tutta questa storia per dire cosa?

Io non ho abbassato i miei standard neanche un giorno, anzi, ho continuato a lavorare per migliorarmi , arricchire la formazione e dare un valore aggiunto importante nel mio team con la mia esperienza e le mie conoscenze.

Ho ricostruito da capo la mia squadra quando è stato necessario e quando ho visto che le cose si facevano difficili (come negli ultimi mesi) ho alzato l’asticella per arrivare a portare Girlboss&Co. al livello di qualità necessario per sopravvivere a questo anno balordo di concorrenza spietata.

Risultato?

Un anno dopo, mese dopo mese, ho visto i miei “numeri” aumentare costantemente e quelli parlano più di tante congetture. E… non ho ancora lanciato i miei nuovi progetti😜

Il treno passa ora ragazze…

Quella con il naso all’insù

Io ero quella con il naso all’insù. Quella sotto al palco sognante, quella in fondo al team che nessuno considerava, quella che non si sentiva mai abbastanza, quella che non osava nemmeno pensare “Chissà se un giorno anch’io riuscirò a…”

Quella ero io.

Con il naso all’insù ad inizio giornata e la testa giù a fine giornata, quando nonostante l’impegno, il peso dei “no”, di chi neanche ti dava l’opportunità di spiegare e gli scarsi risultati, pesavano come un macigno addosso.

Con mio marito che si lamentava, sfiduciato, per tutto il tempo che stavo attaccata al telefono e il fantasmagorico bonifico da Networker che non arrivava mai.

I miei genitori che stropicciavano la bocca quando provavo a raccontar loro i miei progetti, cercando di riportarmi con i piedi per terra, convincermi a cercare di nuovo un lavoro “serio”.

Le mie amiche, quelle che dovevano essermi un po’ più vicine e giudicarmi un po’ meno, perché tanto se non condividi un po’ di pazzia con loro, con chi lo fai? Beh, le sentivo scettiche, fredde, stranite.

I miei colleghi di allora erano addirittura preoccuparti per questa cosa, lo vedevo nei loro occhi, il tono della loro voce. Perché poteva distrarmi dal mio impiego o addirittura farmelo perdere.

Questa ero io.

Io prendevo costantemente ispirazione dalle altre Networker perché non sapevo cosa dire e come dirlo, avevo paura di sbagliare o di non essere abbastanza attrattiva. Ho reso alcune di loro degli idoli nella mia testa, dei modelli intoccabili.

Ma ora lo so.

So che tutte le persone che ho citato semplicemente mi volevano bene. Per questo tentavano di proteggermi da fregature e delusioni. Ma è proprio per questo che ho capito il senso delle loro parole e sono comunque andata avanti a tentare.

Ora so che avevo solo bisogno di fare la mia strada, come tutti, di crescere, imparare e sbagliare. Di vivere il percorso con tutto il bene e il male che comporta, sapendo che è la parte più bella ed entusiasmante della mia carriera.

So che se salti le tappe ti mancano dei pezzi. So che se prendi la strada veloce non saprai insegnare nulla, non saprai motivare, non saprai correggere, non potrai capire chi inizia e ha delle difficoltà, perché non le hai mai vissute.

E sai com’è finita?

Quando ho rialzato la testa dal mio quaderno di appunti e dal mio telefono dal quale ho sempre lavorato con tutto il tempo che avevo a disposizione e la passione che ho in corpo, ho visto… e ho letto… e mi sono resa conto…

Erano i leader delle aziende concorrenti che prima idolatravo a scrivermi e farmi i complimenti. Erano le agenzie professionistiche con cui avrei tanto voluto collaborare che volevano lavorare insieme a me. Erano le persone che prima io cercavo a scegliermi di loro spontanea volontà.

Essere dei principianti è una cosa meravigliosa. È qualcosa che non ti tornerà mai più indietro, qualcosa che ricorderai con emozione, una storia incredibile da raccontare.

Tieni il naso all’insù per sognare e la testa bassa per lavorare…ti sorprenderai nel vedere dove ti può portare!